A partire da quest’anno, il governo, non solo rinnoverà il bonus per la riqualificazione energetica, ma modificherà le normative con lo scopo di ampliare la quantità di persone da cui potranno trarne beneficio.

Partiamo con lo spiegare che l’Ecobonus è un’agevolazione fiscale per chiunque effetti lavori sulla propria casa, il bonus Irpef permette una di ottenere una detrazione fiscale pari al 65% delle spese sostenute. Come già detto in precedenza, con la proroga dell’Ecobonus sono state introdotte modifiche importanti riguardo agli importi dello sconto per specifiche tipologie di spese.

Infatti a differenza di alcune spese che avranno la stessa detrazione del 65%, per altre lo sconto previsto sarà del 50%. In tutto questo rientreranno anche i lavori di messa in sicurezza dei giardini condominiali e la riduzione dell’amianto dai tetti.

BONUS DISPONIBILI PER I LAVORI IN CASA:

  • Bonus ristrutturazioni 2018: È prevista detrazione fiscale del 50% per tutti i lavori di ristrutturazione, sia per case sia per condomini, con spesa massima fino a 96000 euro.
  • Bonus mobili 2018: Anche qui è prevista una detrazione del 50%, a patto che l’acquisto è stato eseguito per una ristrutturazione e non superi la somma di 10000 euro.
  • Sismabonus 2018: Valido per le singole abitazioni e adesso anche ampliato ai condomini, se l’edificio è situato in zona sismica 1, 2, e 3, possono ricorrere a una detrazione unica con, appunto, il nuovo bonus unico condomini 2018 se effettuano lavori di sismabonus + Ecobonus.
  • Ecobonus per il risparmio energetico: In questo caso, la detrazione è variabile a seconda dei casi specifici:
  1. detrazione del 50%: se si installa una caldaia di classe A;
  2. detrazione del 65%: se si installa una caldaia a condensazione di classe A con installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
  3. la detrazione sarà dello 0% nei casi in cui si installi una caldaia di classe B.
  • Detrazione sull’ Iva del 50% per chi acquista una casa di classe A o B (ancora da confermare)
  • Bonus verde 2018: Per giardini terrazzi e balconi, sia condominiali che singole abitazioni, con una detrazione del 36% per una spesa inferiore a 5000 euro.